Articoli

Come creare contenuti accattivanti

Nell’articolo precedente di questa Collana dedicata al Social Media Marketing, abbiamo cercato di capire come Identificare l’Influencer ideale per il Brand, in questo articolo, invece, trattiamo un argomento chiave per riuscire a rendere efficace la nostra comunicazione social: Come creare contenuti accattivanti.

Innanzitutto come facciamo ad essere sicuri che i consumatori vedano, comprendano e vengono coinvolti dai nostri contenuti? Per risponder a questa domanda pensiamo a come il consumatore processa i messaggi che vede sulle piattaforme Social. Per far si che il consumatore processi e recepisca il messaggio, il contenuto deve essere disegnato per attrarre e mantenere l’attenzione in un contesto caotico. I fattori che fanno si che un particolare contenuto risulti o meno attrattivo per noi sulle piattaforme social  non sono gli stessi che mantengono la nostra attenzione anche dopo il primo impatto.

I consumatori sono più propensi a rimanere su contenuti che raccontano una storia coinvolgente. I contenuti più efficaci sono quelli che effettivamente incoraggiano il consumatore ad agire, che è esattamente l’obbiettivo dell’azienda. Attrarre e mantenere l’attenzione su contenuti che incoraggiano all’azione desiderata dal Brand, questi sono comunemente gli obbiettivi di marketing per le aziende.

Quindi cosa rende il Social Media Marketing unico? Il fatto che implica la condivisione peer-to-peer, quindi il contenuto deve essere disegnato con quell’obbiettivo in mente. Se il contenuto non è pensato per essere condiviso o se non incoraggia connessioni e discussioni, non può essere tecnicamente definito social media.

Quindi per creare contenuti accattivanti dobbiamo:

  1. attrarre l’attenzione;
  2. mantenere l’attenzione (attraverso tutti gli stadi del processo che porta all’azione)
  3. ispirare all’azione (share, like, chiamata, acquisto, click)

Caratteristiche dell’Attenzione

L’attenzione è limitata:

Ci sono limiti cognitivi sulla quantità di informazioni che il cervello umano è in grado di processare in un dato quantitativo di tempo. Quindi i consumatori non possono  prestare attenzione a tutti gli stimoli che ricevono in un dato contesto. 

L’attenzione è selettiva:

A causa di tali limiti cognitivi, i consumatori selezionano gli stimoli che sembrano essere più rilevanti per la loro situazione contingente. Per esempio, è più probabile che gli ingegneri presteranno maggiore attenzione a stimoli che provengono da un post che tratta la risoluzione di un problema specifico che stanno affrontando.  

L’attenzione può essere distribuita:

PLe persone sono in grado di prestare attenzione a più stimoli contemporaneamente. Per esempio, se sei coinvolto in una conversazione avvincente ad una festa e senti il tuo nome pronunciato dall’altra parte della stanza è probabile che ti girerai.

Come attrarre l’attenzione

Per massimizzare l’attenzione iniziale del consumatore abbiamo bisogno di:

  • distribuire i nostri contenuti da fonti fidate. Il consumatore presta maggiore attenzione ai contenuti diffusi da soggetti o istituzioni che conosce o di cui si fida.
  • disegnando contenuti che:

(a) siano rilevanti e interessanti per la nostra “audience”, problemi, sofferenze, e vita di tutti i giorni;
(b) si staglino dal contesto rendendoli visivamente immediati o inaspettati in qualche modo;
(c) procurino emozione nei primi istanti per catturare immediatamente l’attenzione.

Mantenere l’attenzione

Per mantenere l’attenzione del consumatore è possibile utilizzare la tecnica del racconto di una storia, come ad esempio fa solitamente una nota marca di Alcolici in questo spot in cui ci sono le caratteristiche tipiche atte a mantenere l’attenzione come il racconto di una storia che contenga elementi chiave come:

  • Un contesto di fondo
  • Un protagonista o un personaggio principale o un guppo di persone.
  • Il protagonista ha un ostacolo da superare che rappresenta una difficoltà o una sfida e il lavoro per superare la difficoltà.
  • Un culmine in cui il Brand è in qualche modo di aiuto
  • Il superamento dell’ostacolo.

L’obbiettivo principale dello storytelling e del marketing è influenzare le convinzioni e i comportamenti del consumatore.

Nel prossimo articolo di questa Collana dedicata al Social Media Marketing, parleremo di Broadcasting e Narrowcasting, ovvero “diffusione ampia” e “diffusione ristretta” e selezionata dei contenuti social, a seconda dell’opportunità.


Se vuoi leggere dall’inizio questa Collana di articoli sul Social Media Marketing, Vai alla pagina del mio primo articolo sull’argomento: Introduzione al Social Media Marketing Grazie